massetto autolivellante

Risanamento massetto per pavimenti a uso industriale

Il massetto autolivellante in resina epossidica presenta un’elevata resistenza, caratteristica che lo rende adatto a qualsiasi superficie in calcestruzzo. Le pavimentazioni in resina a massetto epossidico ad alto spessore (compreso tra i 6 e i 12 millimetri) presentano un’ottima resistenza agli urti e alle abrasioni e sono ideali per i rivestimenti di ogni tipologia di superficie in calcestruzzo preesistente nuova o particolarmente usurata.

Stendere un massetto in resina epossidica richiede molta accortezza, specialmente nella fase di cura del fondo, il quale necessita di essere trattato con un’apposita macchina a pallini che impiega microsfere d’acciaio, in alternativa si può anche utilizzare una macchina scarificatrice (tipicamente utilizzata per rimuovere gli strati preesistenti di manto stradale).

A seguito della preparazione del sottofondo, si passa all’impiego di un particolare composto a base di resine epossidiche e sabbie di quarzo, questo viene poi compattato attraverso il passaggio di una macchina frattazzatrice, per essere infine rasato a saturazione con speciali resine epossidiche pigmentate.

Tale applicazione in resina prevede la stesura di una finitura monocromatica con doti antisdrucciolo.

Impiego del massetto epossidico ad alto spessore

L’impiego di stesure in resina a massetto epossidico permette il totale recupero di pavimentazioni particolarmente degradate; lo si utilizza anche per risanare pavimentazioni a uso industriale esposte a notevoli aggressioni meccaniche e chimiche. Tuttavia il massetto in resina epossidica risulta ideale anche nei settori metalmeccanico, chimico e alimentare (macelli, pescherie, depositi di frutta e verdura) dove è fondamentale la resistenza che offre.

Pronostici Calcio